BLOG - Pagina 2 di 2 - Bruco e Farfalla
22
blog,paged,paged-2,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Potrei raccontarti che nasco a Pordenone un mercoledì di inizio dicembre del 1971, ma non credo ti interesserà granché. Quello che ci tengo a dirti, invece, è che ho creato questo blog perché stavo cercando qualcosa che mi regalasse uno spazio di felicità. Avevo tante idee in testa, ma non sapevo come rendere concreto questo progetto.Passavano i giorni, e il blog – insieme alla mia occasione di felicità- continuava a rimanere off-line. Un giorno ho iniziato semplicemente a fare qualcosa, sperimentando ancora una volta che per costruire una casa si parte...

"All'interno di una relazione di coppia in che ruolo mi trovo? Sono alla pari rispetto al mio partner oppure in certi ambiti ho più potere e in altri meno?Chi stabilisce le regole familiari? Chi gli obiettivi da raggiungere?" “Sveva! Pronto, Sveva, mi senti?” “Si. Perché hai quel tono agitato?” “Guarda, dire che sono infuriata è poco!”. Sveva e Nora si conoscevano dal liceo, ma era all’Università che avevano iniziato a legare di più. Da allora erano passati alcuni anni, e non avevano perso l’abitudine di sentirsi ogni giorno. A dire il vero, era soprattutto Nora...

Qualcuno sa se Cenerentola e il Principe Azzurro stanno ancora insieme? Quando dormiamo 4 ore per notte e ci svegliamo felici, quando il collega vigliacco ci diventa improvvisamente simpatico. Quando facciamo cose che mai avremmo scelto a mente lucida (tipo camminare 8 ore in salita perché a lui piace la sfida mentre tu sogneresti 8 ore di sdraio e gossip…). Ecco, Houston, forse… siamo innamorati! Eppure, nonostante le delusioni, malgrado tutta la sofferenza e quei “MAI PIU’” urlati nelle notti buie e tempestose, scegliamo ancora e ancora di vivere l’amore. Ad un...

Tempo fa mi sono imbattuta in questa storiella: parla dell'importanza di credere in se stessi, di inseguire i propri sogni, di non farsi distrarre dagli echi negativi. E parla anche di trasformazione.   C’era una volta un piccolo bruco che camminava piano piano verso una grande montagna. Lungo la strada incontrò una coccinella che gli chiese:  «Dove vai?» Il bruco rispose: «Ieri ho fatto un sogno. Ero sulla cima di una montagna, e da lì potevo ammirare tutta la valle. Oggi ho deciso di realizzarlo». Sorpresa, la coccinella gli rispose: «Sei matto? Tu sei...

LIMA, PARACAS, ISOLE BALLESTRAS, RISERVA NAZIONALE DI PARACAS, HOASI DI HUACACHINA. A Lima ad agosto è inverno. Il cielo è cenerino, l’aria umida, e se ci si affaccia all’Oceano, la prospettiva è inghiottita dalla garua, quella dispettosa nebbiolina che cerca di nasconderne la bellezza. Lima è trafficata, inquinata, e alcuni quartieri vengono segnalati come poco sicuri, eppure… Eppure Lima è quasi per tutti la tappa di partenza di un viaggio nelle meravigliose terre degli dei. Miraflores è il suo cuore moderno, raffinato, verde, che contraddice le premesse. La Miraflores Boardwalk è una passeggiata...

Nel 2014 ho scritto “Fiore di Marzo”, dedicato a mia nonna. Avevo anticipato la cosa a mia madre, e un po' c'era rimasta male. L'anno successivo, mi ero ripromessa di scrivere qualcosa anche per lei. Sapevo che scrivere a lei e di lei sarebbe stato un viaggio intenso. Rinviavo, con la scusa che le idee proprio non uscivano. Nel giugno del 2015, mia madre si ammalò. E lo slancio partì in quel momento. Questo testo è per te, mamma. Per sempre.   In memoria di mia madre, Rosa Anna.   RITRATTO Sei quello stacco di passo, col tacco ...

SARDEGNA: DA CHIA FINO A TORRE DEI CORSARI La Costa che da Chia sale fino a Torre dei Corsari è come un gioiello prezioso da custodire con cura. Chia è una frazione del comune di Domus de Maria, in provincia di Cagliari. La natura è selvaggia, incontaminata, scossa da un vento irriverente, che d’incanto si stanca. Le spiagge sono raggiungibili transitando lungo le rive di stagni popolati da fenicotteri rosa. All’orizzonte, è sempre ben visibile la torre di origine spagnola, diventata il simbolo di questo luogo incantato, e che custodiva l’acropoli...

Questa è una storia vera. E’ la storia delle mie radici. Dei miei bisnonni, Vincenzo ed Elena. Di mio padre Mario e di nonno Nino. In particolare, è la storia di nonna Vincenza, detta Cencia, a cui questo testo è dedicato. Nel 1917, dopo la Disfatta di Caporetto, i miei bisnonni fuggirono dal Veneto con un carretto, per dirigersi oltre il confine occupato. In quel tempo, la loro più grande preoccupazione era di mettersi al riparo, soprattutto perché aspettavano il loro primo figlio. Così, una notte di novembre, decidono di lasciare di fretta la loro...