• PENSIERI E PAROLE Archivi - Bruco e Farfalla
-1
archive,category,category-pensieri-e-parole,category-92,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Tempo fa mi sono imbattuta in questa storiella: parla dell'importanza di credere in se stessi, di inseguire i propri sogni, di non farsi distrarre dagli echi negativi. E parla anche di trasformazione.   C’era una volta un piccolo bruco che camminava piano piano verso una grande montagna. Lungo la strada incontrò una coccinella che gli chiese:  «Dove vai?» Il bruco rispose: «Ieri ho fatto un sogno. Ero sulla cima di una montagna, e da lì potevo ammirare tutta la valle. Oggi ho deciso di realizzarlo». Sorpresa, la coccinella gli rispose: «Sei matto? Tu sei...

Alcuni giorni fa, ero al telefono con un amico. Mi stava raccontando con fervore di non essere più disposto ad avere intorno a sé “gente che non sa stare al mondo". Tutto è capitato per qualche battuta di troppo in una chat. Poca cosa, a dire il vero. La sua reazione mi è parsa da subito esagerata: ha abbandonato il gruppo “Amici”. Alla fine della telefonata mi ha detto: "alla mia età, preferisco spendere il poco tempo che ho in rapporti di qualità! Gente vera, che mi fa stare bene, senza dover sentirmi sotto accusa". “Mh”, ho sospirato “io...

Mi è capitato spesso di provare il sentimento della solitudine. E’ un macigno che piomba addosso come un mostro gigante: fa ombra, schiaccia, toglie il respiro. Soprattutto, toglie lucidità. Un giorno mi sono resa conto che, se non l'avessi affrontata, avrei lasciato a quel sentimento il potere di pilotare le mie scelte. Mi capitava di notare che non apprezzavo allo stesso modo le mie giornate: se le trascorrevo in compagnia, erano indubbiamente più leggere rispetto a quelle vissute in solitudine. Senza i compagni di balocchi, un pomeriggio al mare da sola si trasformava in...

L'importanza del dire Per educazione culturale, spesso ho dovuto far prevalere il silenzio alla parola. Non stava bene replicare: era cosa da maleducati e superbi. Così, ho custodito nel mio stomaco tutte le parole che non ho detto. Quando invece ho capito che avrei potuto (e dovuto!) farlo, non ci riuscivo e battevo in ritirata. Sapevo che era da codardi, e in qualche modo cercavo di perdonarmi. Così mi sono ancorata  dietro a false convinzioni. Sostenevo, ad esempio, che la vera saggezza fosse quella di farsi scivolare di dosso le angherie subite. “Non ne vale la pena”,...

Non posso dire di avere un senso dell’orientamento innato… So perfettamente che la mia bussola (vigliacca!) mi manda esattamente nella direzione opposta. Se è da andare a destra, sta sicuro che prendo quella a sinistra. Questo non ha niente a che vedere con il fatto che in vacanza mi piaccia perdermi nei meandri più disparati, perché sì, questo mi viene proprio naturale … Il problema si pone nei giorni lavorativi, scanditi da destinazioni da raggiungere. Ecco, in quella parte di vita, mi devo applicare parecchio per riuscire ad organizzare un...