• PENSIERI E PAROLE Archivi - Bruco e Farfalla
-1
archive,category,category-pensieri-e-parole,category-92,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

"Grazie” è la migliore preghiera che chiunque possa dire. Grazie esprime gratitudine estrema, umiltà, comprensione". A. Walker   Cara Insegnante, Questa è una lettera che avrei dovuto scrivere molti anni fa. E’ un appuntamento che avevo segnato nel taccuino ormai ingiallito dal tempo, ma poi… Potrei provare a discolparmi dicendo che poi i giorni sono scivolati come sabbia fra le dita. Mi piacerebbe assolvermi raccontando che ero intenta ad acciuffare i miei sogni. In realtà, credo si sia trattato di paura. Paura di andare incontro ad una delusione. A quel disincanto...

Vorrei sapere in che consiste la felicità e se si può essere felici tutta la vita. "Per essere sicuro di non sbagliare a rispondere, sono andato a cercare un grosso vocabolario la parola “felicità” ed ho trovato che significa “essere pienamente contenti, per sempre o per un lungo tempo”. Ma come si fa ad essere “pienamente contenti”, con tutte le cose brutte che ci sono al mondo, e con tutti gli errori che facciamo anche noi, ogni giorno dell’anno? Ho chiuso il vocabolario e …. ho deciso di non dargli retta....

Scegliere di cadenzare i nostri impegni in base a ciò che è importante rispetto a ciò che non lo è, ci permetterebbe di vivere una vita più felice e senza sprechi di tempo. Ecco una storiella interessante sulla quale riflettere. Durante una lezione di filosofia, un professore si presentò in classe con alcuni oggetti apparentemente incongruenti rispetto alla materia trattata. Sopra alla cattedra, mise un barattolo di maionese vuoto, e iniziò a riempirlo con delle palline da golf. Chiese poi ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno, e loro risposero...

Tempo fa mi sono imbattuta in questa storiella: parla dell'importanza di credere in se stessi, di inseguire i propri sogni, di non farsi distrarre dagli echi negativi. E parla anche di trasformazione.   C’era una volta un piccolo bruco che camminava piano piano verso una grande montagna. Lungo la strada incontrò una coccinella che gli chiese:  «Dove vai?» Il bruco rispose: «Ieri ho fatto un sogno. Ero sulla cima di una montagna, e da lì potevo ammirare tutta la valle. Oggi ho deciso di realizzarlo». Sorpresa, la coccinella gli rispose: «Sei matto? Tu sei...